5 strumenti per gestire i social della tua azienda

Usiamo i social tutti i giorni e pensiamo di utilizzarli nel modo giusto. Ma un conto è postare qualche foto sul nostro profilo personale, un conto è gestire contemporaneamente la pagina Facebook, Instagram e Twitter di un’azienda: canali di comunicazione molto diversi che esigono strategie molto diverse e un impegno costante. Per facilitarci la vita, oltre che studiare le basi del social media management, possono tornare molto utili 5 strumenti per gestire, analizza e migliorare i canali social di un’azienda. 

Hootsuite

Non potevamo che iniziare con Hootsuite, la piattaforma di social media management più utilizzata da utenti e aziende. Il piano base, che costa 25 euro al mese, permette di gestire 10 profili social, pianificare dalla dashboard tutti post e tenere d’occhio le interazioni degli utenti con i vostri canali comunicativi. Hootsuite, purtroppo, ha ancora una piccola mancanza. Su Facebook è possibile pubblicare lo stesso post aggiungendo una traduzione in più lingue, così da apparire nella versione giusta a seconda della provenienza degli utenti. Su Hootsuite questo tipo di post, al momento, non si può programmare. 

Canva

Negli ultimi tempi le immagini sono diventate sempre più importanti nella comunicazione online. Il problema è che i diversi social richiedono dei formati e stili comunicativi molto diversi. Photoshop, oltre a costare un bel po’, in questo caso è un po’ sprecato. Ma può invece aiutarci Canva, una piattaforma che permette di creare, grazie anche a template preimpostati e immagini stock, grafiche, loghi e card per tutti i social. Niente più foto sgranate e deformate!

Later

A proposito di immagini: Instagram è il social del momento ed è quasi indispensabile per tutte le aziende sfruttarlo per diffondere il proprio brand. Unica pecca: non si può gestire dal PC. Un’alternativa è usare Hootsuite, ma se si vuole spendere meno e gestire solo Instagram allora potete affidarvi a Later. La versione gratuita permette di programmare anche da computer 30 post al mese e analizzare le statistiche del proprio account per migliorare tempi e modi di pubblicazione.

Cyfe

Ma per monitorare l’attività dei vostri canali social, e non solo, ci sono degli strumenti appositi. Uno di questi è Cyfe, che permette di visualizzare in un’unica dashboard dati e analisi sugli utenti dei vostri canali social ma anche del vostro sito web, grazie all’integrazione con CMS come WordPress o Shopify. Altro punto a favore di Cyfe è la registrazione gratuita. C’è anche il piano Premium: pagando 29 dollari al mese si eliminano alcune limitazioni e si sbloccano altre funzionalità molto utili.

Google Trends

Per ultimo, ma non meno importante, uno strumento spesso molto sottovalutato: Google Trends. Per una buona strategia social è importante trovare le parole giuste e individuare gli argomenti del momento. Con Google Trends, che ovviamente si basa sulle ricerche effettuate dagli utenti su Google, si può analizzare quanto interesse c’è su un certo tema o quanto è cercata sul web una certa parola. Può tornare molto utile anche a chi gestisce un sito multilingua per trovare la giusta traduzione di una keywords e trovare trend specifici per ogni paese.