Come creare un annuncio multilingue su Facebook e come pubblicizzarlo?

Se gestisci un’azienda avrai probabilmente notato che il solo essere su Facebook non basta. Così come non è sufficiente inserire fra le info il proprio sito web aziendale per farti notare dai clienti. Da un po’ di tempo il bacino di utenza delle pagine Facebook aziendali sta diminuendo. La soluzione a questa situazione è l’acquisto di annunci a pagamento, ma fatta nel modo giusto. E se si vuole raggiungere i clienti stranieri, sarà necessario anche sapere come creare pubblicità multilingue su Facebook e, in generale, come fare pubblicità in modo efficace.

Come prepararsi per la pubblicità su Facebook?

Cominciamo dalle basi. Per fare pubblicità in modo efficace su Facebook serve più di una semplice conoscenza dei principi di gestione degli annunci o di budgeting. Come per tutte le campagne promozionali, bisogna anche essere ben preparati. Prima di tutto, accertatevi che i vostri clienti utilizzino questo social network e, in caso affermativo, scoprite se reagiscono in modo appropriato agli annunci di questo social. L’esperienza dimostra che anche la campagna a pagamento meglio configurata su Facebook non porterà risultati se il vostro target non è presente o è inattivo sul social.

Come scegliere un target per la pubblicità su Facebook?

È possibile ottenere queste informazioni in due modi. Uno di questi è “lanciare l’annuncio” e verificare se porta risultati. In questo modo riceverete dati concreti sul gruppo di riferimento. Lo svantaggio di questa soluzione è che se i vostri clienti non sono su Facebook, l’unico effetto sarà quello di esaurire il budget pubblicitario e solo poi di decidere di spostare l’annuncio su altri canali.

Un modo più economico è quello di dare un’occhiata ai rapporti sul comportamento degli utenti su Internet. Una ricerca ciclica e approfondita su questo argomento è pubblicata, tra gli altri, da Hootsuite, che mostra che quasi il 49% della popolazione mondiale utilizza Internet. Ma con una semplice ricerca su Google troverete molte altre fonti di dati sugli utenti  che vi aiuteranno a decidere se lanciare la vostra prima campagna su Facebook.

Cosa sono le strategie di promozione su Facebook?

Dopo aver confermato che il vostro target utilizza Facebook, potete iniziare a pianificare la vostra prima campagna. La prima cosa a cui dovreste pensare è il suo scopo. Da esso dipenderà la misurazione degli effetti e il percorso che farete per raggiungerli. In generale, il Centro di Gestione Inserzioni ha 3 categorie principali di annunci a pagamento fra cui scegliere: “visibilità”, “considerazione” e “conversione”.

Come funzionano gli annunci di visibilità su Facebook?

La prima categoria contiene due tipi di pubblicità: “copertura” e “notorietà del brand”. Entrambi funzionano in modo molto simile e la loro premessa principale è quella di mostrare l’annuncio il più spesso possibile al maggior numero possibile di persone. Come suggeriscono i loro nomi – questi annunci sono tutti volti ad aumentare la consapevolezza dell’esistenza del vostro marchio nel pubblico selezionato. In questo caso, gli effetti misurabili che potete verificare nel gestore di annunci saranno queste colonne del report: “copertura”, “impression” e “frequenza”. Potete anche provare la vostra ricerca, in cui chiedete agli intervistati se sono a conoscenza del vostro marchio.

Come funzionano le pubblicità su Facebook?

L’obiettivo dei diversi tipi di annuncio nella categoria “considerazione” è completamente diverso. Vi si trovano le varianti: “traffico”, “installazioni dell’app”, “visualizzazioni di video”, “generazione di contatti” e “messaggi”. La determinazione di ciascuno di questi tipi farà sì che l’algoritmo di Facebook selezioni i destinatari in modo diverso.

Ad esempio, gli annunci in una campagna incentrata sull'”installazione dell’app” saranno visualizzati a persone che hanno maggiori probabilità di eseguire l’azione. Tuttavia, è necessario ricordare che l’algoritmo li seleziona in base a “somiglianza e probabilità”, il che in pratica significa che terrà conto delle loro precedenti risposte ad altri annunci, nonché dell’attività generale su Facebook e valuterà se la persona farà ciò che chiedete.

A causa del gran numero di tipi di annunci nella categoria “considerazione”, non c’è una risposta chiara su quali parametri debbano essere presi in considerazione fra quelli del rapporto sull’efficacia della campagna. Probabilmente dovrete determinare quali colonne vi interessano e tenerne traccia. Per la categoria “traffico” terrete conte delle visualizzazioni della pagina di destinazione e i  clic sul link, mentre per “installazioni dell’app” date un’occhiata alle attivazioni dell’applicazione e alle installazioni dell’applicazione. Ricordate che gli indicatori selezionati correttamente per la misurazione degli effetti sono fondamentali per valutare l’efficacia della campagna impostata.

Come funzionano gli annunci Facebook “conversione”?

La terza categoria di annunci su Facebook è quella delle “conversioni”, che comprende tre tipi di annunci: “conversioni”, “vendite dei prodotti del catalogo” e “traffico nel punto vendita”. A differenza delle opzioni di cui sopra, in questo caso si tiene conto del comportamento dell’utente fuori da Facebook, come ad esempio sul vostro negozio online. Per impostare correttamente questo tipo di campagna, è necessario installare Pixel di Facebook sul proprio sito, oltre a specificare quali dati raccogliere. È inoltre possibile ottenere informazioni sull’efficacia di tali annunci con diversi servizi, come Google Analytics o nei report disponibili in Facebook Pixel.

Come creare un annuncio multilingue su Facebook?

Ora che conoscete le basi della preparazione per la pubblicazione di annunci su Facebook e gli strumenti chiave del Gestione Inserzioni, è il momento di creare la prima campagna. Il problema del multilinguismo non vi riguarda se vendete i vostri prodotti o servizi in un solo mercato. Discorso diverso se si vuole fare pubblicità in più paesi allo stesso tempo. Potenzialmente questa può essere una grande sfida. Supponiamo che operiate in 4 paesi diversi e che creiate 8 campagne diverse. Questo significa che dovete creare 32 annunci? Non necessariamente.

Basta utilizzare un’opzione di gestione degli annunci che potete trovare nella finestra di modifica della campagna. Tuttavia, prima di poterlo fare, è necessario inserire il contenuto nella lingua predefinita. Quindi allegare una grafica pubblicitaria (può essere anche un video o una presentazione) e inserire tutti i testi. Una volta compilato, cliccate su “Aggiungi lingue” – il pulsante si trova in fondo alla finestra.

Scegliete ora in quale lingua predefinita avete creato il contenuto. Per fare ciò, cliccate sul pulsante “Scegli la lingua” sotto la voce “Lingua predefinita”.

Una volta fatto questo, cliccate su “Aggiungi lingua” in “Lingue aggiunte” e selezionate la lingua che desiderate utilizzare, ad esempio l’inglese. Dopo aver fatto ciò, sul lato destro si attiva una vista in cui si inserisce la traduzione del contenuto dell’annuncio, ossia nel “Titolo”, “Descrizione” e “Testo principale”. Una caratteristica interessante è la possibilità di allegare un altro link, oltre ad altri grafici, in modo da indirizzare i destinatari.

Fare pubblicità su Facebook funziona?

Sapete già come prepararvi per la campagna e come creare un annuncio multilingue su Facebook. La domanda però è: gli annunci di Facebook sono sempre efficaci? Per molti settori, questa soluzione funziona molto bene, soprattutto quando il destinatario è un pubblico di massa. Tuttavia, questa non è sempre la regola. Secondo le ricerche, i giovani sono più attivi in altri canali sociali (ad esempio Tik Tok o Snapchat), quindi se volete offrire i vostri servizi ad altri destinatari, dovreste pensare a diversificare i canali pubblicitari o a rinunciare completamente a Facebook. Tuttavia, fate attenzione a quest’ultima opzione, perché alla fine tutto si riduce alle dimensioni del target. Quindi, prima di decidere se fare pubblicità su Facebook o meno – fate qualche ricerca, trovate dei report o lanciate semplicemente la prima campagna. Questo è l’unico modo che vi permetterà di scoprire l’efficacia o la mancanza di efficacia per il vostro settore.