Come si raccolgono i dati dei clienti e come utilizzarli nel remarketing?

L’essenza stessa del remarketing è abbastanza elementare. In generale, il remarketing comprende tutte le azioni volte a raggiungere quegli utenti che hanno già avuto contatti con il vostro marchio. Con l’avanzare della tecnologia, il remarketing è diventato più semplice che mai. Ciò è dovuto, tra l’altro, allo sviluppo di vari metodi per ottenere e analizzare i dati dei clienti. Quindi, come interpretarli e utilizzarli nella vostra attività?

Dove si possono trovare i dati degli utenti del sito web

La questione di partenza riguarda il sito web: la parte più elementare del marketing su Internet. Fa sì che gli utenti vi accedano dai social network, dalla ricerca su Google e da molti altri posti. In qualità di proprietario, avrete anche il pieno controllo sulle attività svolte, sul suo aspetto, nonché sui dati degli utenti.

Dove potete trovare i dati dei clienti per il vostro sito? Google Analytics è lo strumento di analisi di base. Per utilizzarlo, è necessario incollare la riga di codice appropriata, che troverete nel vostro account Analytics, sul vostro sito web. Le informazioni raccolte sui tuoi utenti ti saranno molto utili. In particolare, troverai:

  • i paesi e persino le città da cui si è avuto accesso al vostro sito;
  • le pagine più visitate;
  • il tempo medio di navigazione del sito;
  • il flusso degli utenti attraverso le pagine;
  • quali sono le pagine visitate più spesso dagli utenti, ad esempio da Facebook;
  • e molte altre informazioni preziose.

Con Google Analytics, conoscerai molto meglio i tuoi utenti. Scoprirete a quali contenuti della vostra pagina sono interessati, da dove provengono maggiormente e, con l’opportuna configurazione degli obiettivi, scoprirete dove avvengono le conversioni più proficue. Questi dati possono essere utilizzati per migliorare sia la vostra offerta che il vostro sito web, e quindi migliorare i risultati di vendita.

Come raccogliere i dati dei clienti per il remarketing?

Questa rimane una questione a parte. Vi siete certamente imbattuti in tutte quelle pubblicità di siti web che avete visitato e che sembrano seguirvi, ad esempio su siti web di notizie. Tutto ciò è possibile grazie ai cookie che sono stati salvati nel vostro browser e il loro ruolo è, tra i vari, quello di caricare le pagine più velocemente quando ritornate su un sito. Vengono utilizzati anche nel marketing, perché grazie ad essi si possono raggiungere gli utenti che sono già stati su un certo sito e mostrargli degli annunci. Ma come si ottengono questi dati?

Cos’è Facebook Pixel?

Uno degli strumenti che renderà possibile quanto detto è Facebook Pixel. La sua installazione è molto semplice. Basta incollare il codice appropriato nella sezione <header>, ma la pratica è molto più semplice se si usa WordPress, per esempio. Poi basta scaricare la “Facebook Pixel Extension”, incollare il codice API e il gioco è fatto – l’integrazione sarà fatta automaticamente.

Quali informazioni sui clienti saranno salvate in Facebook Pixel? Molte, se si garantisce una configurazione adeguata, che è davvero semplice. È possibile definire gruppi di destinatari che entrano in una determinata sottopagina, cliccano su un pulsante specifico o visitano il numero di sottopagine desiderato durante una sessione, ecc.

Come si usa Facebook Pixel?

In questo modo, potete utilizzare il pubblico salvato per le campagne di remarketing che impostate dal vostro gestore di annunci. Così, ad esempio, se vuoi raggiungere le persone che hanno letto un articolo su quali scarpe scegliere per la corsa, puoi farlo con un annuncio su Facebook in cui offrirai loro modelli selezionati di scarpe da corsa disponibili nella tua gamma. Grazie a questa soluzione, l’annuncio “seguirà” il potenziale cliente, che sarà quindi più propenso ad acquistare i vostri prodotti.

Cos’è Google Tag Manager?

Google Tag Manager funziona in modo simile. Grazie ad esso è possibile raccogliere in gruppi specifici anche i dati delle persone che si trovavano sul vostro sito, hanno letto un articolo o cliccato sul pulsante “Chiamaci”. Per installare GTM sul tuo sito web, come Pixel, è necessario incollare il codice appropriato nella sezione <header>. La configurazione del tag e del “contenitore” rimane una questione a parte. Se non sapete come fare, vi consigliamo di chiedere aiuto a uno specialista.

Come utilizzare i dati di Google Tag Manager?

Vale la pena sapere che, sebbene la configurazione GTM non sia la più semplice, offre opzioni molto simili a quelle del Pixel di Facebook. Grazie a questo strumento, non solo potete raggiungere i clienti che hanno già interagito con il vostro sito, ma anche segmentarli su base ad esempio demografica (età, sesso, istruzione) o geografica (paese, regione o città). E tutte queste informazioni sono molto più precise perché sono associate agli account Google degli utenti.

Come funziona in pratica? Una volta che una persona visita il vostro sito, i vostri annunci lo “seguiranno” su vari portali di notizie o altri siti web che fanno parte della rete di partnership di Google (ad es. OLX, Interia o Onet). Di solito si tratta di banner pubblicitari che espongono la vostra offerta. I vantaggi di questo tipo di remarketing sono fondamentalmente due: in primo luogo, l’utente sarà più propenso a cliccare sul banner e a scegliere subito la vostra offerta e, in secondo luogo, il vostro marchio si consoliderà nella mente dei consumatori, il che aumenterà le probabilità che facciano acquisti nel prossimo futuro.

Remarketing dinamico su Google

Un’altra forma di pubblicità basata sui dati sono le campagne in Google Ads chiamate “Remarketing dinamico”. A differenza degli annunci di remarketing, in questo caso non si utilizzano le informazioni sugli utenti, ma solo sui prodotti. Tali annunci pubblicitari si basano su sistemi che combinano la conoscenza degli utenti con le informazioni sui prodotti. Grazie a questo, l’algoritmo di Google apprenderà il comportamento dei destinatari, cercando di prevedere ciò che potrebbe interessarli.

Come pianificare le campagne pubblicitarie?

Saper trarre vantaggio dai dati degli utenti nel remarketing è una cosa, mentre pianificare campagne pubblicitarie è una cosa completamente diversa, che mira ad attrarre il giusto profilo utente sul vostro sito. Inoltre, c’è la questione del sapere se il vostro sito web raggiunge un tasso di conversione soddisfacente. Per dirla in parole povere: gli utenti che accedono al vostro sito eseguono le azioni desiderate, utilizzano il modulo di preventivo, chiamano la vostra azienda e acquistano i prodotti nel vostro negozio?

Come prepararsi per una campagna pubblicitaria?

Il primo passo da compiere è quello di familiarizzare con il comportamento e le aspettative dei vostri clienti. Se non disponete di dati statistici specifici sui vostri potenziali clienti, leggete i rapporti di ricerche di mercato disponibili al pubblico applicabili al vostro settore. Sono utili anche i rapporti sul comportamento delle persone che navigano su Internet, come ad esempio quali social media utilizzano più spesso. Di solito, sono disponibili anche informazioni sulle dimensioni del gruppo target, sulle preferenze di acquisto e sugli interessi. Insieme alle informazioni che avete in Google Analytics, potete imparare molte cose interessanti sui vostri clienti.

Ponetevi poi alcune domande chiave:

  1. A cosa sono interessati i vostri clienti?
  2. Qual è l’età dei vostri clienti?
  3. Qual è la loro formazione?
  4. Come usano Internet?
  5. A quale gruppo sociale appartengono? 

Le risposte a queste domande vi daranno un quadro generale del gruppo di futuri clienti che desiderate. Su questa base, sarete in grado di scegliere gli strumenti pubblicitari giusti e il modo migliore per comunicare con i clienti. Dovete sapere che la lingua che parlate con i vostri clienti è importante tanto quanto i dati che avete su di loro.

Traduzione di pubblicità su Facebook

A proposito di questioni linguistiche, si dovrebbe anche garantire una buona traduzione degli annunci di Facebook. A condizione che intendiate raggiungere clienti stranieri, ovviamente. Quando si analizzano gli annunci di Facebook, si può facilmente vedere che ci sono fondamentalmente due tipi di messaggi:

  1. Lunghe descrizioni scritte usando la tecnica dello storytelling, per parlare di una storia interessante, generare curiosità o necessità e poi proporre finalmente una soluzione.
  2. Brevi descrizioni in cui gli inserzionisti presentano brevemente ciò che fanno, ciò che offrono e quali vantaggi offrono. 

Entrambe le forme sono ottime, ma sono destinate a un pubblico diverso. La decisione che si sceglie deve essere correlata ai dati disponibili sui propri clienti. Una volta che avete creato o fatto creare descrizioni nella vostra lingua, è il momento di tradurle. In questo caso è meglio prevedere un servizio aggiuntivo di correzione di bozze di un madrelingua che si assicurerà che il messaggio pubblicitario sia adattato al paese e alla cultura di specifici destinatari stranieri. In definitiva, l’annuncio pubblicitario deve suonare come se fosse scritto da un cittadino madrelingua di un determinato paese.

Un altro problema è come tradurre l’annuncio su Facebook. Ci sono fondamentalmente due metodi. Uno è la creazione di nuovi gruppi di annunci e l’aggiunta di una descrizione in lingua straniera. Il secondo metodo è molto più semplice perché basta premere il pulsante “Aggiungi lingua” nella finestra di configurazione dell’annuncio, quindi scegliere la lingua predefinita e aggiungere descrizioni in altre lingue. Purtroppo, questa funzione non è disponibile quando si imposta una campagna per l’acquisizione di nuovi “Mi piace” della pagina Facebook.

Traduzioni di Google Ads

La traduzione di Google Ads è un po’ più impegnativa. Teoricamente parlando, questo strumento ha molti vincoli quando si tratta di creare descrizioni per i vostri annunci, perché c’è un limite di caratteri che si può mettere nel titolo e nella descrizione.

Dovrete affrontare molte più difficoltà quando si tratta di scegliere le parole chiave giuste. L’esperienza dimostra che la traduzione letterale delle frasi che usate nel vostro paese d’origine non è sufficiente. In primo luogo, questo è dovuto al fatto che gli utenti stranieri possono cercare sul web cose completamente diverse e, in secondo luogo, una parola può essere tradotta in diversi modi e solo uno di questi sarà cercato sul web dai clienti stranieri.

Come raccogliere i dati dei clienti e utilizzarli nella pubblicità?

Ci sono diversi modi per raccogliere i dati dei clienti. Alcune informazioni si possono trovare in Google Analytics, ma dovete tenere presente che, oltre ad ottenere informazioni sul comportamento degli utenti sul vostro sito web, non le potrete utilizzare in nessun altro modo. Per l’impostazione di campagne pubblicitarie, avrete bisogno di Facebook Pixel (se state pensando agli annunci di Facebook) e di Google Tag Manager (se state pensando a Google Ads). La prima cosa da fare in entrambi i casi è la corretta configurazione di questi strumenti in modo che i dati degli utenti possano essere utilizzati nelle campagne di remarketing. Quando pensate ai mercati esteri, avrete bisogno anche di una buona traduzione degli annunci pubblicitari e in questo vi aiuteremo volentieri.